Archivio mensile:Ottobre 2019

Relazione sulla conferenza “Immagini (im)possibili” di MemWar

Włodek Goldkorn, giornalista, per molti anni responsabile culturale de «L’Espresso», saggista e scrittore (per Feltrinelli ha pubblicato di recente L’asino del Messia), lo scorso 16 ottobre è stato ospite del Dipartimento di Lingue e Culture Moderne insieme a Elżbieta Janicka, storica il cui ambito d’interesse si focalizza in particolare sull’antisemitismo polacco, artista visiva, nonché autrice di diversi saggi e monografie (nel 2016 è uscito il volumePrzemoc filosemicka? Nowe polskie narracje o Żydach po roku 2000 [Philo-Semitic Violence? New Polish narratives about Jews after 2000], scritto a quattro mani con Tomasz Żukowski). L’incontro, intitolato “Immagini (im)possibili” e moderato dalla prof.ssa Laura Quercioli, rientra nel ciclo di appuntamenti nell’ambito del progetto del Dipartimento LCM dell’Università di Genova “MemWar. Memorie e oblii delle guerre e dei traumi del XX secolo” coordinato dalla professoressa Anna Giaufret. 

“Nessuno è mai stato ad Auschwitz”. Questa, ricorda sorridendo Goldkorn, è la provocazione lanciatagli al termine di un’intervista di qualche anno fa da Claude Lanzmann, regista, scomparso di recente, della celebre pellicola Shoah(1985), provocazione che lungi dall’essere un ennesimo, eclatante caso di negazionismo dell’Olocausto, svela invece il paradosso che è proprio di ogni vittima e di ogni supersite di Auschwitz. Dei primi, delle vittime, perché, finiti magari al loro arrivo direttamente nelle camere a gas, non poterono avere piena coscienza né gli infernali meccanismi del luogo né della propria morte. Dei secondi, i superstiti, perché essendo sopravvissuti nei modi più disparati, essendo stati scelti per vivere, non conobbero invece le camere a gas. L’intervento di Goldkorn  si concentra sulle immagini della Shoah, quelle che tutti noi conosciamo dai libri di storia ma che pochi sanno essere nate come documentazione storica a uso e consumo del carnefice, per diventare solo in seguito strumento (legittimo?) di memoria. Non è infatti ai più risaputo, nonostante parrebbe quasi ovvio almeno tra coloro che si occupano dell’Olocausto, che la totalità delle fotografie che rappresentano scene riprese nei campi di sterminio, ad eccezione di pochissime immagini, come le quattro scattate clandestinamente ad Auschwitz II-Birkenau nell’estate 1944, siano state scattate dalle SS, come pure quelle che riprendono attimi drammatici all’interno del ghetto di Varsavia (la celebre immagine del bambino che alza spaventato le mani mentre alle spalle gli viene puntata la canna di un fucile fa infatti parte dell’archivio di Jürgen Stroop, l’SS- und Polizeiführer che sedò nel sangue l’eroica insurrezione scoppiata nel maggio 1943 all’interno del ghetto). La riflessione che nasce dalla consapevolezza che dietro alle fotografie della Shoah si celi l’occhio-otturatore del boia, e quindi una narrazione che volle a suo tempo mostrare qualcosa di molto diverso dalla realtà e quindi contrapposta al punto di vista delle vittime, continua Goldkorn, dovrebbe portare a chiedersi in che misura sia oggi legittima la loro riproduzione, e se nel nostro sguardo di spettatori muniti persino delle migliori intenzioni, non continui forse ad annidarsi inconsapevolmente lo sguardo privo di innocenza del carnefice. 

Come possa essere possibile fotografare l’Olocausto oggi lo dimostra il secondo ospite dell’incontro, Elżbieta Janicka, che dal 2004 continua a lavorare al suo progetto “Zielnik” (The Herbarium), arricchendo nel tempo la collezione di fotografie analogiche scattate dall’artista e che ritraggono fiori e piante cresciuti spontaneamente sul terreno del campo di sterminio di Treblinka, terreno particolarmente fertile proprio a causa dell’abbondante presenza delle ceneri umane sparse un tempo tutt’intorno dalle ciminiere del crematorio, notoriamente attivissimo, del lager. Le immagini presenti nella sua opera sono accompagnate, proprio come in un classico erbario, dalla denominazione scientifica dei rappresentanti del regno vegetale, talvolta anche di quello animale, che oggi si incontrano a Treblinka.  Lo sguardo sensibile di Janicka mostra la forza di una natura inarrestabile persino in un luogo di morte e di sofferenza, creando così una prospettiva inedita all’interno dell’arte dedicata allo spazio e alla memoria. Una natura che sta col tempo guadagnando gli spazi che circondano il lager facendosi sempre più fitta, come mostra Janicka attraverso una serie di viste aeree del campo di concentramento così come appariva nel 1944 e come appare invece ai giorni nostri. A chi si reca in questo luogo potrebbe oggi sembrare che un tempo la popolazione che abitava nelle sue vicinanze non avesse modo alcuno di capire cosa accadesse tra il folto della vegetazione che nel corso dei decenni ha preso a crescere rigogliosa intorno a Treblinka, ma un tempo nessuna distesa di alberi nascondeva alla vista le recinzioni del campo di sterminio.

La polifonia frutto di prospettive, metodologie d’indagine e risultati così diversi e così preziosi quali quelli che gli studiosi Goldkorn e Janicka hanno condiviso con i presenti in sala non è potuta non sfociare in un altrettanto polifonico dibattito con il pubblico sull’(im)possibilità di servirsi della fotografia come strumento di testimonianza della Shoah.